notizie

Home - Notizie

23 Giugno 2017 - Focus sull'amianto: quanto ne sai?

Il termine “amianto” deriva dal greco amiantos, che significa “incorruttibile” e sta ad indicare l'eccezionale resistenza di questo minerale agli agenti corrosivi. Il suo sinonimo “asbesto” deriva invece dal greco asbestos, che vuol dire “inestinguibile” e si riferisce alla sua proprietà di resistere al calore.

Ma di che tipo di sostanza si tratta?

L'amianto è un minerale naturale dalla struttura fibrosa che fa parte della classe chimica dei silicati e delle serie mineralogiche del serpentino e degli anfiboli. Presente in natura in molte zone della terra si ottiene dalla macinazione della roccia madre che normalmente avviene in miniere a cielo aperto.

La normativa italiana sotto il nome di amianto da rientrare 6 composti: il Crisotilo, un amianto di Serpentino; l'Amosite, il Crocidolite, la Tremolite, l'Antofillite e l'Actinolite, degli amianti di Anfibolo.
 
Quali sono le caratteristiche peculiari di questo minerale?

L'amianto ha il pregio di essere estremamente resistente sia al calore, al fuoco, agli agenti chimici e biologici, sia all'abrasione e all'usura. Grazie alla sua struttura fibrosa ha una grande resistenza meccanica ed un'elevata flessibilità. E' facile da filare e presenta proprietà termoisolanti e fonoassorbenti. Si combina facilmente con materiali da costruzione quali la calce, il gesso e il cemento e con alcuni polimeri come la gomma e il PVC. Il suo basso costo e la sua grande versatilità ne hanno fatto per anni uno dei materiali più usati nell'industria, nell'edilizia e nei prodotti di consumo. Esistono due tipi di amianto: l'amianto friabile e l'amianto compatto. Nell'amianto friabile le fibre sono libere o debolmente legate, nell'amianto compatto, invece, esse sono legate in una matrice solida e stabile come il cemento-amianto o il vinil-amianto. Le caratteristiche tecniche dell'amianto si devono proprio alla sua consistenza fibrosa, che però causa gravi malattie, soprattutto all'apparato respiratorio.

Perchè l'amianto è così pericoloso per la salute umana?

La pericolosità dell'amianto è causata dalle fibre che rilascia, estremamente fini e potenzialmente inalabili. La dispersione delle fibre dipende molto dalla tipologia di amianto considerata: l'amianto friabile, che si può ridurre in polvere con una semplice azione manuale, è ritenuto molto più pericoloso dell'amianto compatto, che per sua struttura ha una minore tendenza a rilasciare fibre. I maggiori rischi per la salute umana si verificano in presenza di parti in amianto corrose o usurate, che hanno maggiori probabilità di rilasciare fibre killer nell'aria.

La legislazione italiana ha fissato una soglia di valori limite per le fibre di amianto ammissibili negli edifici e nei luoghi di lavoro. Se i valori rilevati superano tale soglia si deve provvedere ad una bonifica dell'intera area.

Nel caso di situazioni di allarme è quindi necessario rivolgersi a soggetti autorizzati in grado di intervenire per bonificare l'area in totale sicurezza.

Grazie alla lunga esperienza maturata nel settore, Servizi Ecologici Scanferla è in grado di rispondere alle richieste di bonifica di amianto sia nell'ambito pubblico, sia nell'ambito civile e industriale, fornendo un servizio mirato, completo e professionale.

Desiderate saperne di più sul nostro servizio di bonifica da amianto? Visitate la nostra pagina dedicata all'argomento e contattateci direttamente dal nostro sito web per ulteriori informazioni.